Il 2010 ha registrato significative novità:

  • la nuova edizione del DPRET (Disposizioni per la Prevenzione del Rischio Elettrico - DPRET) è stata volontariamente sottoposta da Ternai alla verifica esterna dell’I.N.R.I.M. (Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica), organismo scientifico  del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, che a settembre ha rilasciato il proprio parere positivo;
  • per quanto riguarda l’Istruzione Operativa “Scalata al sostegno e soccorso in quota su linee elettriche aeree AT”, Terna ha chiesto all’INAIL il riconoscimento di “buona prassi”, mediante il quale l’Istruzione Operativa diventerà punto di riferimento anche per le verifiche esterne di conformità effettuate dalle autorità di vigilanza, incluse quelle presso le ditte appaltatrici;
  • un'intensa attività di vigilanza. La corretta e piena applicazione delle procedure è sottoposta, oltre che alla vigilanza costante dei datori di lavoro, anche alle ispezioni da parte degli RSPP (due l’anno per ciascuno, nelle rispettive AOT di competenza) e a verifiche interne di conformità su tutte le Aree Operative Territoriali e a le verifiche esterne previste per la conferma della certificazione, nonché una rappresentanza elettiva dei dipendenti con compiti di verifica sull’applicazione delle norme. Nel 2010 si è conclusa l’attività di monitoraggio cantieri, avviata nel 2009, che ha interessato i principali (circa 100)cantieri di realizzazione di lavori per conto di Terna. L’attività, effettuata con il supporto di una società esterna specializzata, ha avuto come obiettivo verificare il pieno adempimento dei requisiti formali e sostanziali in tema di sicurezza e di produrre relazioni di monitoraggio utili per migliorare il sistema e garantire l’allineamento alle best practice di gestione riscontrate.
  • un’intensa e continua attività di informazione e formazione. Il programma di formazione annuale comprende sempre corsi a livello generale aziendale e integrazioni specifiche a livello territoriale, basati sull’analisi dei rischi. Alcune attrezzature presenti nel Centro di formazione di Viverone (Torino) consentono in particolare di svolgere l’addestramento al lavoro in sicurezza per la salita ai tralicci (attraverso l’utilizzo di tralicci-palestra a grandezza naturale) e per i lavori sotto tensione in ambiente controllato. Impegno costante nel formare e informare i dipendenti sul tema della sicurezza vuole garantire la conoscenza dei rischi e dei sistemi di prevenzione, ma soprattutto diffondere i valori della sicurezza per garantire una scelta consapevole dei comportamenti da adottare. Nel 2010 è stato completato il Piano di Attività 2009-2010 promosso dalla Direzione Sicurezza Aziendale in collaborazione con la Direzione Risorse Umane in applicazione degli aggiornamenti previsti dal Testo Unico 81/2008. Nel 2010 è infine partita la formazione di tutto il personale interessato all’applicazione delle nuove Disposizioni Prevenzione Rischio Elettrico Terna (DPRET);
  • l’inserimento di obiettivi di performance della sicurezza sul lavoro nel sistema di indicatori cui è collegata la retribuzione variabile delle Direzioni interessate (Sicurezza Aziendale, Risorse Umane e Organizzazione, Mantenimento Impianti). Si segnala in particolare l’obiettivo di miglioramento del livello di sicurezza, che punta alla riduzione degli infortuni attraverso un “indice di sicurezza sul lavoro” composto dal tasso di frequenza e dal tasso di gravità degli infortuni e misurato a livello delle singole Aree Operative di Terna;
  • la ricerca applicata: una specifica unità organizzativa della Direzione Ingegneria effettua sperimentazione di materiali e dispositivi di sicurezza, testandone l’affidabilità attraverso prove di resistenza in condizioni estreme;
  • l’attenzione alle condizioni di sicurezza anche nei confronti delle ditte appaltatrici che eseguono lavori nei cantieri per conto di Terna. Tra le misure di tutela introdotte o rinforzate dal D. Lgs. 81/08 negli appalti per la realizzazione di linee aeree e stazioni elettriche è richiesta la dichiarazione di avvenuta formazione e informazione a tutto il personale presente in cantiere sull’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale e sui rischi definiti nel Piano di Sicurezza Cantieri (PSC) e nel Piano Operativo di Sicurezza (POS) redatto dalle imprese.
Per alcuni ruoli Terna richiede un ulteriore attestato di avvenuta formazione, della durata variabile di 24-32 ore, per il ruolo ricoperto, ideata in collaborazione con enti di formazione specializzati nel settore elettrico e certificati SINCERT.
In sede di qualificazione dei fornitori, Terna richiede infine, l’esistenza di procedure documentate adottate per la tutela della sicurezza e salute dei lavoratori. In particolar modo, per le imprese comprese in alcuni tra i comparti qualificati ritenuti maggiormente significativi per gli aspetti ambientali e di safety, è previsto un dettagliato questionario che richiede specifici elementi e aspetti organizzativi e procedurali capaci di garantire le buone pratiche gestionali oltre all’adempimento di ogni obbligo di legge.

Il 2010 ha visto la prosecuzione del progetto “Analisi del contesto e individuazione di stimoli atti a favorire comportamenti sicuri sui luoghi di lavoro”. Con questo progetto, avviato nel 2009, Terna si è posta l’obiettivo di conoscere le opinioni e le sensazioni dei dipendenti sul tema della sicurezza. L’indagine è stata condotta attraverso interviste anonime in 5 aree territoriali in modo da garantire significatività sia sul piano geografico sia in termini di copertura dei ruoli tecnici. Il campione di 146 dipendenti corrisponde al 48% del personale che ricopre le posizioni prese in esame nelle 5 sedi. Dall’analisi, che ha riguardato sia il contesto di lavoro sia al contenuto del lavoro, è emersa la consapevolezza da parte dei dipendenti dell’investimento dell’azienda nei valori della sicurezza. La formazione, gli incontri e la possibilità di condividere i risultati sono vissute positivamente e incoraggiate da parte dei dipendenti. Alla luce dei risultati raggiunti dal progetto è stato deciso di continuare l’indagine nel 2011 raddoppiando il campione e coprendo tutte le rimanenti aree geografiche in cui Terna opera.

Sul tema dello stress correlato al lavoro, è stata messa a punto un’Istruzione Operativa che fornisce gli indirizzi per l’analisi e la rivelazione delle condizioni di stress non solo attraverso indicatori oggettivi aziendali (ad es. assenze) ma anche considerando la dimensione individuale e sociale dei dipendenti. Per l’analisi degli aspetti oggettivi è stato previsto il ricorso a idonea check-list per consentire di quantificare il livello di rischio secondo una scala parametrica basso/medio/alto.

Inoltre, nel 2010:

  • è stata confermata la certificazione OHSAS 18001;
  • sono state eseguite, in base agli obblighi di legge, 130 ispezioni da parte degli RSPP e responsabili di AOT e circa 281 visite sui luoghi di lavoro da parte del medico competente;
  • sono state realizzate cinque verifiche interne a livello territoriale; ciascuna ha impegnato tre auditor per tre giorni;
  • sono state effettuate visite mediche preventive e periodiche anche per i lavoratori atipici, come previsto dal D. Lgs. 81/08;
  • sono state erogate 49.222 ore di formazione sulla safety.

ORE DI FORMAZIONE SU SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI

  2010 2009 2008 (1)
Dirigenti 175 232 207
Quadri 3.897 2.781 3.122
Impiegati 20.265 18.781 28.265
Operai 24.885 24.743 38.875
Totale 49.222 46.537 70.469

1) I dati sono riferiti all’Italia. Per il 2008 i dati italiani sono comunque rappresentativi della situazione di Gruppo, data la scarsa incidenza (5,6% nel 2008) del personale della controllata brasiliana.

Il numero delle ore di formazione in tema di safety è aumentato rispetto al 2009 (più 6%).

Nel 2008 l’importante numero di ore erogate a impiegati e operai era legato alla necessità di portare a conoscenza di tutti gli interessati le modifiche apportate al DPRET (Documento Prevenzione Rischio Elettrico Terna) a seguito della introduzione di nuove norme tecniche. Nel 2010 è stata avviata una nuova campagna formativa sul DPRET, in conseguenza dell’attuazione del Decreto 81/2008 e di ulteriori aggiornamenti normativi. I corsi si svolgeranno prevalentemente nel primo semestre del 2011.